Premio ai lavoratori dipendenti

Ai lavoratori dipendenti che hanno prestato la propria attività lavorativa presso la sede di lavoro aziendale, l’articolo 63 del D.L. 18/2020 (Decreto Cura Italia) ha stabilito un premio di Euro 100,00 nette in busta paga, che viene riconosciuto Una Tantum, a partire dalla retribuzione del mese di aprile e comunque entro il termine di effettuazione delle operazioni di conguaglio di fine anno, e da rapportare alle giornate di lavoro effettivamente svolte presso la sede aziendale. La norma premiale è rivolta ai dipendenti che hanno continuato a svolgere l’attività lavorativa in sicurezza nel rispetto delle norme sanitarie e comportamentali presso la propria sede di lavoro.


Ambito di applicazione del Premio 100 euro nette

Il Premio spetta ai titolari di redditi di lavoro dipendente ai cui all’articolo 49 comma 1 del Tuir: “Sono redditi di lavoro dipendente quelli che derivano da rapporti aventi per oggetto la prestazione di lavoro, con qualsiasi qualifica, alle dipendenze e sotto la direzione di altri, compreso il lavoro a domicilio quando è considerato lavoro dipendente secondo le norme della legislazione sul lavoro.” Pertanto riguarda tutte le tipologie di lavoratori dipendenti, con qualsiasi qualifica, a tempo indeterminato e a tempo determinato, full time e part time (orizzontale e/o verticale).

Di conseguenza, il premio non spetta a tirocinanti, stagisti, collaboratori coordinati e continuativi, titolari di Partita Iva.

Per i lavoratori domestici (badanti e colf), poiché il datore di lavoro non é un sostituto di imposta, non può essere erogato il premio in busta paga.


Vincoli da rispettare

L’unico vincolo da rispettare è il reddito complessivo da lavoro dipendente dell’anno precedente, che non deve essere superiore a Euro 40.000,00.

Il riferimento è il reddito complessivo ai fini Irpef relativo all’anno precedente, ossia all’anno di imposta 2019. Il reddito sarebbe quello dichiarato nel modello 730 del 2020 che però non è ancora stato presentato o compilato dai contribuenti; pertanto si prenderanno in considerazione gli importi indicati nei campi “1” e/o “2” dei dati fiscali alla pagina 1 della Certificazione Unica.

L'Amministrazione Finanziaria chiarisce che "bisogna considerare esclusivamente il reddito di lavoro dipendente assoggettato a tassazione progressiva Irpef e non anche quello assoggettato a tassazione 2 separata o ad imposta sostitutiva", in coerenza con la Circolare Agenzia delle Entrate n. 28/E del 15/06/2016.

I lavoratori che nel 2019 hanno intrattenuto più rapporti di lavoro con diversi datori di lavoro (ad esempio perché titolari di più rapporti di lavoro part-time), e che continuano ad essere titolari di più rapporti di lavoro anche nel corso del 2020, devono scegliere presso quale datore di lavoro vogliono che venga riconosciuto il premio, ed a questi avranno cura di dichiarare la totalità dei redditi di lavoro dipendente assoggettato a tassazione progressiva Irpef relativa all’anno 2019.

I lavoratori che nel 2019 hanno intrattenuto più rapporti di lavoro che si sono susseguiti nell’anno, qualora non abbiano richiesto al datore di lavoro attuale il conguaglio dei redditi nella busta paga di dicembre, avranno cura a tal fine di comunicare allo stesso la totalità dei redditi di lavoro dipendente conseguiti nel 2019.

I lavoratori che sono stati assunti nel corso del 2020 ed in forza nel mese di marzo 2020, devono provvedere a tal fine a comunicare al proprio datore di lavoro i redditi da lavoro dipendente percepiti nel 2019.

Le comunicazioni possono essere rese con “Dichiarazione sostitutiva dell’Atto di Notorietà” (ai sensi dell’art.47 D.P.R. 28 dicembre 2000, n.445) (in allegato un modello-tipo)

Per quanto concerne i lavoratori licenziati entro il mese di erogazione del premio, lo stesso spetta per i giorni di lavoro svolti nella sede di lavoro nel mese di marzo 2020. Qualora si tratti di persone dimesse o con rapporti di lavoro terminati nel mese di marzo, il premio spetta solo per i giorni di lavoro svolti nella sede di lavoro e verrà inserito nella busta paga di aprile o comunque entro il termine utile ai fini del calcolo delle ultime spettanze.


Natura del premio 100 Euro

Vuoi saperne di più?

Iscriviti a www.studiopiceci.it per continuare a leggere questi post esclusivo.

Iscriviti ora

Post recenti

Mostra tutti

Notizia Flash Oggetto: Novità dal 2022: ulteriore detrazione dall’imposta lorda per percettori di reddito compreso nella fascia tra 25.001 euro e 35.000 euro La Legge di Bilancio per il 2022 ha appor

Notizia Flash Il Decreto Legge del 7 gennaio 2022 n. 1 ha reso obbligatoria la vaccinazione per la prevenzione dell’infezione da SARS-CoV-2 ai cittadini italiani e di altri Stati membri dell’Unione